Monday, February 20, 2012

Zico in Udinese , Highlights Campionato 1983 1984

  Prima di Zico. però, ci sono almeno altre due stagioni da raccontare, due stagioni che testimoniano la crescita graduale della squadra e della società. Dopo la soffertissima salvezza Sanson abbandona per motivi di salute e rimette le sue azioni nelle mani del sindaco Candolini. Meno di un mese dopo l'Udinese viene acquistata da Lamberto Mazza. Nel frattempo 1' 11 giugno si registra il secondo scudetto della Primavera le cui stelle si chiamano Gerolin. Miano. (Tinello. Papais. perni dell'Udinese del domani: un'Udinese che riparte da Franco Causio. scartato dalla Juventus. ma che grazie alla splendida stagione in Friuli si toglierà la soddisfazione di essere covocato da Bearzot per i mondiali di Spagna. L'Udinese precede il Milan terz ultimo di due punii ma già a tre domeniche dalia conclusione, grazie al successo di Bologna, i bianconeri sono matematicamente salvi. L'Udinese sta diventando grande, investe sul mercato e. dopo Causìo. nella stagione '82-83 arrivano il brasiliano Edinho e lo Iugoslavo Suriak: sul mercato italiano vengono pescali Mauro. Corti e Pulici. Siamo ancora nell'epoca dei due punii a vittoria e l'Udinese non paga dazio per i venii pareggi oiienuti in trenta partite. A fine campionato le vittorie saranno sei. le sconfìtte quattro. L'era Zico è alle porte.

Dopo aver ottenuto la salvezza all' u all'ultimo minuto dell'ultima giornata nella stagione '80-81 con un gol di Manuel Gerolin, l'Udinese, che passa dalle mani di Teofilo Sanson a quelle di Lamberto Mazza, presidente del gruppo industriale Zanussi. punta al consolidamento nella massima serie e successivamente a un salto di qualità. 1 programmi vengono ampiamente rispettati, infatti nei due campionati successivi le zebrette prima si salvano con tre giornate d'antìcipo, quindi ottengono un sesto posto che è inferiore solamente ai piazzamenti del "54-55 e del '56-57. L'ascesa costante fa pensare che si stiano facendo le cose nel modo giusto: non si vuole tutto e subito ma facendo un passettino alla volta. Partendo da un sesto posto, ora l'Udinese è attesa dal salto più grande e cosa c'è di meglio che acquistare il calciatore straniero più forte al mondo? Già da qualche anno si parlava di un arrivo in Italia di Zìco. il fuoriclasse brasiliano considerato da tutti l'erede di Relè: ci aveva provato il Milan ma con scarsi risultati, ci riesce invece l'Udinese grazie all'intuizione e al "mestiere" del suo direttore sportivo. Franco Dal Cin. E il 31 maggio del 1983 quando l'Udinese da l'annuncio: sembra fantacalcio. nessuno osa crederci. Invece è tutto vero anche se l'arrivo in Friuli di Arthur Antunes Coimbra sarà più complicato del previsto. I vertici federali, con il presidente Sordillo in testa, bloccano sia il trasferimento di Zico all'Udinese sia quello di Cerezo. altro brasiliano, alla Roma. Udine scende in piazza. Udine si sente come Davide al quale non viene consentito di sfidare Golia. Sono i giorni dei cartelli "O Zico o Austria", i giorni in cui Udine è al centro dell'attenzione dell'Italia calcistica. Alla fine Zico arriverà facendo letteralmente impazzire un'intera regione: vengono sottoscritti più di 26.000 abbonamenti, una cifra record e già alle prime amichevoli estive il Friuli presenta il tutto esaurito. La parolina magica non viene mai pronunciata ina è evidente che a Udine nel giro di un paio di stagioni si vuole puntare allo scudetto. Ci si rifa agli esempi del Cagliari e della Lazio, o a quello più recente del Vìcenza di Paolo Rossi, arrivato secondo. Nell'arco di due campionati, invece, il titolo andrà a un'altra provinciale del Triveneio. il Verona.

Eppure nel primo dei due anni di Zico la partenza era stata più che confortante. L'esordio del Galinho nel nostro campionato avviene in casa del Genoa: i friulani si impongono per 5-0 (successo esterno più ampio della storia) e il numero 1O brasiliano segna una doppietta. Non è un fuoco di paglia, tant'è vero che Zico concede il bis la domenica successiva contro il Catania. In entrambe le occasioni Zico centra il bersaglio su punizione, e lo stesso accade la domenica successiva ad Avellino dove l'Udinese perde a causa di una sciagurata autorete dell'altro suo brasiliano. Edinho. Le parabole di Zico su calcio da fermo diventano un fenomeno da studiare, da analizzare, da vivisezionare. Nemmeno Platini segnava su punizione con quella frequenza. nessuno, sottolineano gli altri, era riuscito a inserirsi nel nostro calcio con tanta autorità. La media realizzativa di Zico è impressionante, è lui che mantiene l'Udinese nelle zone medio-alte della classifica. Enzo Ferrari ha costruito attorno al brasiliano una squadra tecnicamente apprezzabile ma che difetta un po' in fase di interdizione: Causìo. Mauro. Miano. Marchetti. sono questi i centrocampisti bianconeri, gente dì grande qualità ma che se c'è da difendere... Là in mezzo a lottare c'è il solo Gerolin e purtroppo alla fine i conti non tornano. All'inizio del girone di ritorno grazie a tre vittorie consecutive contro Genoa. Catania e Avelli no. l'Udinese sale al quarto posto che mantiene per altre tre settimane fino all'infortunio dì Zico: rientrato da Rio. il brasiliano partecipa a un'amichevole a Brescia. Si gioca su un campo reso pesante dalla pioggia e purtroppo per l'Udinese i delicati muscoli del brasiliano non reggono. Il fuoriclasse resta fermo un mese e mezzo, abbastanza per compromettere la corsa dell'Udinese all'Europa. Già. perché ormai era diventato quello l'obiettivo principale. Lo scudetto era troppo lontano, nonostante alla vigilia di Pasqua i friulani si trovassero in vantaggio alla fine del primo tempo sul campo della Juventus che si sarebbe poi laureata campione d'Italia.

Quello che aveva a fatica costruito in 28 domeniche di campionato l'Udinese lo getta al vento nelle ultime due. Prima si fa mettere sotto a Napoli da una squadra che lotta per non retrocedere, poi addirittura cade davanti al pubblico amico a opera del Milan. Guardando la classifica finale si scopre che sarebbero bastati tre punti per staccare il biglietto per l'Europa. L'Udinese termina al nono posto e ben tre squadre la precedono di uno e di due punti: era proprio vicina la quinta preziosissima poltrona. Sotto lo striscione d'arrivo il giocattolo però si rompe e non c'è modo di rimetterlo in sesto. Ferrari non viene riconfermato alla guida della squadra, al suo posto arriva Luis Vinicio che accompagna la squadra nella tournée in giro per il mondo: bastan pochi giorni per far entrare i] nuovo tecnico in collisione con alcuni elementi della squadra. Causio in testa. Il Barone, considerato una bandiera insostituibile, chiede di essere ceduto e viene accontentato. Nel suo futuro c'è l'Inter. mentre in quello di Virdis c'è il Milan. Al loro posto arrivano Andrea Carnevale, giovane di belle speranzza.e ma non ancora il campione che avrebbe conquistato scudetti e coppe, e Montalbano dal Palermo. Quando Zico rientra dal Brasile e trova questa squadra non fa nulla per nascondere il suo malumore. L'Udinese, perlomeno quella di Zico. non c'è più. Il campione brasiliano - che al suo primo campionato aveva giocato 24 gare realizzando 19 reti (una in meno di Michel Platini, vincitore della classifica cannonieri)-salterà a causa di un infortunio metà torneo e soprattutto andrà a segno appena tre volle. Lazio. Inter e Juventus sono le vittime di Zico protagonista, suo malgrado, più fuori che dentro il terreno di gioco. Il Galinho. infatti, viene accusato di frode fiscale. Dopo aver giocato un'amichevole a Verona dopo la conclusione del campionato è costretto a lasciare l'Italia come un ladro qualsiasi: un epilogo che un campione e un uomo della sua levatura non meritava. L'Udinese chiude quella stagione conquistando una sofferta salvezza. La partita decisiva viene giocata ad Ascoli: Zico non c'è perché infortunato e a decidere è un gol di Tesser, un segnale che i tempi sono cambiati. Non è un fuoriclasse a lasciare il suo timbro ma un onesto professionista. L'era Zico, che poi era coincisa con l'avvento alla presidenza di Lamberto Mazza, si chiude mestamente. Il campionato successivo l'Udinese riesce a stento a ottenere la salvezza: all'inizio del girone di ritorno Vinicio viene esonerato e al suo posto viene chiamato "Picchio" De Sisti che porta a termine l'operazione salvezza. In piena estate, però, sull'Udinese, coinvolta nel calcio scommesse-bis, cala la mannaia: 9 punti di penalizzazione du scontare nel torneo che sta per partire, ovvero una sentenza che sa di retrocessione anticipata. In coincidenza con la penalizzazione arriva il passaggio di mano della società industriale friulano che in un primo momento faceva parte di una cordata dalla quale uno a uno tutti si erano ritirati. Benché affiancato da un direttore sportivo esperto come Franco Dal Gin. Pozzo commette l'errore di voler costruire una squadra esperta, "vecchia", in grado a suo avviso di recuperare l'handicap iniziale: impossibile. L'Udinese finisce in B dopo sette anni ed è una magra consolazione scoprire che senza la penalizzazione avrebbe continuato a far parte del torneo più prestigioso del mondo.



 
  Surnommé «le Pelé blanc» par ses admirateurs, Zico aurait pu, comme son glorieux aîné, entrer encore davantage dans la légende du football mondial. Hélas, il n'a pas remporté la Coupe du monde et ne pourra jamais prétendre rivaliser avec le dieu Pelé. La faute, entre autres, à un penalty raté en quarts de finale contre les Bleus de Platini... Arthur Antunes Coimbra, dit «Zico», avait pourtant tout pour lui. Une technique hors norme, véritable numéro 10 à l'ancienne,capable défaire des ouvertures lumineuses des deux pieds, il était également un redoutable tireur de coup-franc. Dès son enfance, dans le quartier modeste de Quintino à Rio de Janeiro, il se fait remarquer par sa capacité à organiser le jeu et s'affirme comme un véritable leader. Son père, un Portugais venu s'installer au Brésil (Zico a d'ailleurs la double nationalité), est un gardien de but amateur, fervent supporter du Sporting Club du Portugal. C'est lui qui subira les premières frappes enroulées de son fils et qui l'entraînera pour faire de lui un des espoirs du football brésilien. Au début de l'adolescence, il passe avec succès un test pour le Flamengo et intègre les équipes de jeunes. Dès 1973, il s'impose en équipe première et, en dix ans, va remporter quatre titres de champion, une Coupe Intercontinentale et une Copa Libertadores, l'équivalent pour l'Amérique du Sud de la Champions League. 

Il est sélectionné pour la première fois avec l'équipe nationale du Brésil en 1976 et accroche une troisième place lors de la Coupe du monde 1978. En 1982, pourtant grands favoris, les Auriverde sont éliminés par l'Italie de Paolo Rossi. Mais c'est surtout l'édition 1986 qui restera en travers de la gorge de Zico. A la tête d'une Seleçâo redoutable, le capitaine pense que son heure est arrivée. C'est sans compter sur ce fameux quart de finale de Guadalajara, qualifié par Pelé lui-même de «meilleur match de l'histoire de la Coupe du monde». Les Brésiliens marquent très vite sur un but d'école, à une touche de balle, mais les Français égalisent grâce à l'opportunisme de Michel Platini. En seconde mi-temps, suite à une sortie violente de Joël Bats, les Brésiliens obtiennent un penalty. Zico, grand spécialiste du genre, s'empare du ballon et s'élance. Il frappe sur la droite du but, mais le portier français se détend et repousse le ballon. Les deux équipes ne marqueront plus et le Brésil sera éliminé lors de la séance des tirs aux buts. Zico, la mort dans l'âme, doit dire adieu à ses rêves de gloire et abandonne la sélection nationale, après 88 sélections et 66 buts. Après deux saisons passées dans le Calcio à Udinese, il retourne au Flamengo puis part en 1991 au Japon où il termine sa carrière de joueur en 1994. Il devient ensuite entraîneur des Kashima Antlers puis sélectionneur du Japon qu'il qualifie pour la Coupe du monde 2006. Il rejoint, après la Coupe du monde, le club turc de Fenerbahce et remporte le titre de champion en 2007. En septembre 2008, il devient entraîneur d'un club ouzbek, où l'argent du pétrole et du gaz coule à flot, et attend de revenir en Europe, dans une équipe plus conforme à son aura. Car on imagine mal «le Pelé blanc» rester très longtemps loin du football de haut niveau...




Codec H264, Mkv
Bitrate 1000
Sound 128 kbps
French Comments
Pass : Special Pass
































Caps


30 comments:

  1. Je ne sais pas comment te remercier, alors il reste juste dire: merci beaucoup.

    ReplyDelete
  2. Excellent! Frank, thank you!
    Help me please find a ALL full match Udinese with Zico :))
    Very interesting these:
    11 september 1983 Genoa-Udinese (0-5)
    06 november 1983 Udinese-Roma (1-0)
    11 december 1983 Udinese-Juventus (2-2)
    19 february 1984 Udinese-Fiorentina (3-1)
    08 january 1984 Milan-Udinese (3-3)
    21 april 1984 Juventus-Udinese (3-2)
    31 march 1985 Udinese-Inter (2-1)
    14 april 1985 Juventus-Udinese (3-2)
    12 may 1985 Udinese-Napoli (2-2)
    Thanks in advance :))

    ReplyDelete
  3. I will post udinese Napoli and a full udinese verona soon

    ReplyDelete
  4. qual a senha para descompactar? eu ja tentei essa: Special Pass
    mais nao da certo.

    ReplyDelete
  5. Good morning friends, I would like to know what the password to unlock this file, because I've tried this around and not of right.

    ReplyDelete
  6. My friend I already tried that password that you ai no link, no longer the right. please help me because I'm a fan of ZICO and would love to have this video.Meu email : gillmayron2010@hotmail.com

    ReplyDelete
  7. Mayron special pass works for a lot of persons

    ReplyDelete
  8. I TRIED THIS PASSWORD JA Special Pass BUT NOT THE RIGHT, GET MORE WHEN ENOUGH TO BE DRAWN TO 97% OF ERROR, UNDERSTAND?

    ReplyDelete
  9. Hi Mayron,
    I downloaded a successfully just to test.
    Unpacked with a password.
    No problem.
    Try again please.
    Rush

    ReplyDelete
  10. Gracias Mr Vitali....

    Mayron : UNDERSTAND?

    ReplyDelete
  11. friends this is the password? Special Pass,I already used that al most could not.

    ReplyDelete
  12. I told you send me an email (hotline on right side) for the pass.

    ReplyDelete
  13. Good Morning Friend ,look I do not know how to send email out there, if you can send me on my email: gillmayron2010@Hotmail.com

    ReplyDelete
  14. HELLO Thewildbunch22! HELLO PLEASE PRA HOW DO YOU SEND AN EMAIL? FOR YOU HELP ME DESCOMPACTR WINRAR FILE?

    ReplyDelete
  15. VOCE PODERIA POSTAR ALGUM JOGO DA UDINESE X JUVENTUS 1983/1984

    ReplyDelete
  16. I gave up, because this file is corrupted, I tried several time and nothing's right.

    ReplyDelete
  17. No it works. Rush did it again two days ago...

    ReplyDelete
  18. não consigui ainda descompactar o arquivo.

    ReplyDelete
  19. This comment has been removed by the author.

    ReplyDelete
  20. Galera, alguém já conseguiu descompactar o arquivo ? Qual a senha ? O mesmo está corrompido ?

    ReplyDelete
  21. POR FAVOR GALERA EU BAIXEI MAIS NAUM CONSIGO DESCOMPACTAR OU ESSA SENHA TA ERRADA OU ARQUIVO NAUM FUNCIONA ME AJUDEM.

    ReplyDelete
  22. Hey, Myron!
    How are you? You could not download these files or you can not unzip with password? Write me your problem please. I'll try to help you.
    My address is:
    rush777@ukr.net
    P.S. Also, I recommend watching Zico all goals for Udinese:
    http://www.youtube.com/watch?v=iRUYn0iICsQ&feature=plcp

    ReplyDelete
  23. I downloaded the file, it can not unpack it MY EMAIL gillmayron2010@Hotmail.com IS THIS PLEASE SEND ME ANSWER

    ReplyDelete
  24. Replies
    1. MCMLXXI MY FRIEND, I downloaded the file MORE CAN NOT unzip it, THEREFORE MAKES NO PASSWORD. YOU KNOW HOW I CAN SOLVE?

      Delete
  25. Hey, Mayron
    Did you receive my message a month ago?
    Sometimes it is useful to look carefully your mail :)

    ReplyDelete
  26. HELLO MY FRIEND RUSH! I READ YOUR EMAIL, WHAT I WANT MORE AND GET EVEN untar this file I downloaded THIS SITE. AI NO PASSWORD SITE HAS WHAT: Special Pass, BUT NOT THE RIGHT .. UNDERSTAND?

    ReplyDelete
  27. Hi, the download link doesn't work anymore, could you re-upload??? Thanks a lot.

    ReplyDelete

NO LINKS ALLOWED