Sunday, February 26, 2012

Focus On : Antonio de Oliveira Filho Careca , "Grandes Momentos do Esporte"



  Goleador dei due mondi, non si sente ancora... troppo maturo per il terzo. Bomber in Sudamerica e in Europa, è atteso in Asia. Giappone: lavoro e rigore, e un domani anche gol. Lo yen sale e lì nessuno si preoccupa se Antonio Fillio de Oliveira detto Careca è un po' in ribasso. Pazzo mondo, il calcio ha una sua borsa valori. Se un titolo non vale qui, è prezioso altrove. «Sì, il calcio è come la vita, un giorno sei fortunato, un altro no. Però alla fine tutto si compensa. Mi vogliono in Giappone? Mah, lì sono già presente negli spot e quando il campionato sarà professionistico non mi dispiacerebbe andare. Però è un discorso lontano, adesso il mio posto è qui». Trentuno anni, forse l'età giusta per fare un piccolo bilancio. Ma Careca non gradisce aggettivi: ti senti felice, appagato, stanco, smanioso, insoddisfatto? Cinque-quiz-cinque, e lui s'imbroncia: «Non mi sento vecchio, tanto per cominciare; per questo ho detto che è presto per pensare adesso all'avventara Giapponese. Fare come la foca al circo o i palleggi al supermercato per la ,publicilà non m'interessa. Sono ancora in piena efficienza, tra i migliori al mondo. Ho vinto in Brasile, sono stato capace di vincere anche in Europa, in Italia, addirittura a Napoli, dove ogni vittoria per me vale il doppio. Uno scudetto e una Coppa Uefa: devo ancora dimostrare qualcosa? E a chi? Non so proprio cosa dovrei ancora far vedere, aiutami a capire».

Il Motorola stretto nella destra, l'indice sinistro sul pulsantino dell'«off», perché nessuno disturbi: Careca è in piena area di rigore anche a parole. E parla, parla... «Se non è il più bello, quello italiano è senz'altro il campionato più difficile del mondo. Quasi tutti i migliori sono qui e non c'è una dittatura. In Inghilterra vince quasi sempre il Liver-pool, in Spagna quasi sempre il Rea! Madrid o il Barcellona, in Olanda il PSV, in Belgio l'An-derlecht, in Francia il Marsiglia. Qui invece ogni anno lo scudetto cambia padrone. Adesso la Samp, prima il Napoli, poi l'Inter, quindi il Mi-lan. Lo ha vinto anche il Verona... E chi vince il titolo sa che può anche peraere contro l'ultima in classifica. Più di 50 gol in campionato, in quattro stagioni con la maglia azzurra: devo ancora dimostrare qualcosa?». Legato da contratto fino al giugno del '93 al Napoli, si sente degno cittadino d'Europa. Un'annata un po' cosi non basta a mitigare la reazione: «Devo ancora dimostrare qualcosa? E a chi?». Ripete due, tre volte la stessa domanda, rivolgendosi a quei critici che non gli hanno mai perdonato il minimo errore. Giugno per lui è un mese particolare. Anche le stelle non lo stanno troppo a guardare. Leggiamo: «Bilancia: hai la Luna e Venere contrari, ti senti piuttosto depresso e vorresti fare tante cose diverse ma non hai né tempo né voglia. Per sentirti più sereno devi aspettare, però cerca di non stare sempre solo alla finestra».

E lui sta troppo affacciato. A Napoli comanda Ferrara, ora. Careca non è mai stato un «capo»: nel Guarani, nel San Paolo e nella Nazionale brasiliana ci hanno provato, a eleggerlo imperatore, ma lui si vede ballerino di fila. «Sono troppo buono, mì piace scherzare, non so fare la faccia seria neanche apposta. In questo è invece bravissimo Ciro, è giusto che sia lui il simbolo della squadra, anche perché è napoletano verace, è cresciuto indossando la maglia azzurra. E poi io sono troppo buono. Del resto, anche in area di rigore non sono egoista: ne ho fatti dannare parecchi, di miei allenatori. Loro a dirmi di tirare, io sempre a testa alta per vedere se e 'era qualche compagno meglio piazzato. Il mio idolo è sempre stato Toslào, uno dei gioielli del Brasile Campione del Mondo a Messico 70. Giocava in velocità, come me». Arsenico e vecchi bacetti, anche cosi può essere definita una rivalità. Brasile e Argentina, storia di un braccio di ferro. Maradona & Careca, racconto di un idillio. «È vero, siamo grandi amici. Lui mi faceva, arrabbiare solo quando diceva che noi brasiliani rubiamo le mucche agli argentini. Se è per questo, lui s'è rubalo, per non dire altro, anche qualche bella brasiliana. Per me è slalo un compagno straordinario. Chiamatemi illuso, mo spero ancora-di poterlo rivedere in campo, naturalmente con la maglia del Napoli. Certo, da quando lui è andato via mi sento più solo, però non meno protetto». Si conobbero al Lido di Parigi. Cominciata a champagne. la faccenda è finita con acqua sporca di Napoli. «Un peccalo, un vero peccato. Ma Diego non ha sbagliato da solo, forse qualcuno poteva (e doveva) aiutarlo», dice sicuro.

La moglie Maria de Fatima quasi mai vittima della sauda-de; Aline. Hellen e Thiago, i tre figli, sempre in compagnia di amici; il parco auto particolarmente ricco: una Mercedes cabrio. una Mercedes station wa-gon, una Peugeot 205 GTL un fuoristrada. Careca ha praticamente tutto per essere felice, Qualche videocassetta dei film di Veronica Castro, i compaci disc di Toquinho. Cosa ti manca, Careca? «Niente. I napoletani sono eccezionali per simpatia t per come sanno fare il tifo dai primo all'ultimo minuto. Mie moglie cucina spesso alla brasiliana. Tra i miei hobby, l'unice che non riesco a coltivare con assiduita è il tiro a segno». L'assist giusto per una battuta: si vede che non lo pratichi, porte sono diventate bersagli imprendibili... «Certo, non è stata una stagione felice, ma si vinct e si perde insieme. Se è andate male, la colpa non è certamente solo mia. Sai qua! è il mio prossimo obiettivo? La Coppa de, Campioni, l'unica cosa che m, manca». Araraquara, terra di bomber: ieri Clerici, oggi Careca. C'è sempre un po' di azzurro-Brazil in questo vecchio sogno napoletano. (June 91)





Codec H264, Mkv
Bitrate 1300 
Sound 128kbps
Brasilian Comments
Tv Broadcast (ads Cuts)
Chapter
Formatted 16/9


http://www.megaupload.com/?d=DB6DEYQF

 http://rapidshare.com/files/2725962909/Carec.Doc.twb22.blogsot.com.mkv













Caps

No comments:

Post a Comment

NO LINKS ALLOWED